In un periodo storico in cui la moda maschile a mio avviso sta vivendo una profonda crisi, ammiro lo stile e le scelte eccentriche di questo signore “beccato” a Pitti Immagine Uomo qualche giorno fa e che non so chi sia ma che ha un enorme senso di autoironia che manca a molti di noi, donne e uomini, e che lo porta a osare.

Pensate a quanto questa persona sia capace di comunicare e comunicarci attraverso le sue scelte nel che cosa indossare ogni giorno.

Da prendere come esempio, per trovare uno stile che ci rappresenti, che rispecchi il nostro modo di essere e che ci renda unici, piuttosto che essere sempre vestiti allo stesso modo e conformi a qualcun altro e alle regole. Ma poi quali regole? Quali sono queste regole che ci obbligano a vestirci tutti nello stesso modo? E chi sono questi altri che dobbiamo copiare? Gli influencer? Ma abbiamo davvero bisogno che qualcuno ci dica come dobbiamo vestirci? Forse non ne siamo capaci? Evidentemente sì, visto quanto hanno successo gli influencer.

Tutti con giacche, cappotti e giacconi blu, neri, grigio topo. Tutti con gli stessi accessori, tutti con gli stessi colori addosso, lo stesso tipo di scarpe, tutti uguali come se fossimo in divisa. Quante volte ci è capitato di incontrare qualcuno che indossasse il nostro stesso vestito o accessorio? A me diverse volte.

Osiamo di più. Per sentirci bene con noi stessi prima di tutto, e chi se ne frega dei commenti del prossimo? Ma bisogna saperlo fare con stile e con delle idee per non essere eccessivi e rischiare di diventare volgari. Un po’ come ho visto in certe mise buttate addosso in una accozzaglia di capi diversi, colori pacchiani, tutto senza senso.

Va di moda lo street style che come vi ho già scritto in un mio articolo qui, delle volte a me sembra un pot-pourri senza senso e molto spesso orrendo?

Ci piace così? Ok, vada per lo street style, ma almeno con vero style e un pizzico di autoironia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *