Siamo alla Milano Fashion Week, alle sfilate dei noti marchi, e da qui non ci muoviamo per alcuni giorni. Mi spiace per la pessima qualità dell’immagine ma non sono riuscita a far di meglio.

E ok, si parla di Fendi, che ultimamente si è lanciato in scatenate produzioni rocchettare proiettate verso il futuro incerto del logo/brand come idolo da osannare, un simbolo che marchia a vita tutto quanto esce dalla fabbrica e il malaugurato corpo che si appresta a indossarlo. Ma le scelte sono scelte e bisogna rispettarle… detto tra me e voi, qui siamo all’apoteosi.

Il personaggio di destra è noto alle cronache italiane, il rapper Fedez che fino a ieri non sapeva cosa fosse una sfilata di moda, figuriamoci il nome “Fendi”, probabilmente spinto dalla consorte si è ritrovato a far fattura indossando capi firmati da poi postare sul proprio profilo Instagram. Ma non faceva il cantante?? La sua mise non ha bisogno di commenti, parla da sola. Voto #CafonalChic e mi fermo qui.

Ma vogliamo parlare della signora di sinistra? Che è comparsa sorridente appollaiandosi sullo suo scranno in prima fila senza smettere un minuto di sorridere ai paparazzi, come se tutto il mondo pendesse dalle sue labbra e dalle sue scelte di abbigliamento? Ma dico, siamo sicuri di essere sulla Terra?

Lei è Naomi Watanabe. Ebbene nessuno in Italia sa chi sia, ovviamente, e la sua mise è veramente tristemente al pari del suo pari sulla destra. Perchè sì, dicono, trattasi di cantante e attrice giapponese, molto nota nel suo paese non solo per le su enormi dimensioni (n.b. è famosa per le sue dimensioni!!) e viene molto considerata nell’ambito della cultura artistica giapponese per la sua interpretazione, o meglio, imitazione, di Beyoncé. Avete letto bene, IMITAZIONE di Beyoncè.

O… mamma!

Ma questo è il nuovo target dei brand italiani? siamo messi molto bene! Ma poi vendono? E a chi vendono?

Mah!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *